martedì 9 gennaio 2018

Sambuca di Sicilia

Sambuca di Sicilia - Agrigento, Sicilia

Nei pressi del lago Arancio incastonato nella valle del Belice, a circa 100 km da Agrigento, troviamo l'incantevole borgo di Sambuca di Sicilia. Questo piccolo Comune agrigentino dichiarato "Borgo dei Borghi" nel 2016, risulta essere un centro davvero suggestivo in cui si respira il profumo della storia. Il suo primo nucleo abitativo si sviluppò attorno al castello eretto dall'emiro Zabuth.  Il nome del paese, di origine araba, deriverebbe appunto dall'emiro e rimase tale (Zabut) fino al 1921 quando si adottò l'attuale denominazione: Sambuca. Nel 1185 la città fu ceduta al convento di Monreale da Guglielmo II che l'aveva precedentemente conquistata. Di particolare importanza risulta essere l'arabeggiante centro storico con i suoi sette "vicoli saraceni" e una torre merlata con un antico orologio. Tra le chiese si segnalano quella del Carmine, eretta nel XVI secolo, dove si venera l'antica immagine della Madonna dell'Udienza. La chiesa risulta essere ogni anno meta di devoti e pellegrini. Da visitare il piccolissimo museo etnoantropologico e la chiesa del Collegio con gli affreschi di Fra Felice da Sambuca. Poco fuori il centro abitato troviamo un antico casale arabo e la chiesa di San Vito del XV secolo.
Nei pressi di Adranone recenti campagne di scavo hanno portato alla luce un un atico sito archeologico consistente nei resti di una città fondata, con ogni probabilità, nel IV secolo a.C. dai selinuntini. Sono inoltre visibili nel suo territorio resti di un antico insediamento dell'età del ferro databile al XIII a.C.. Per chi ama l'archeologia non può non visitare infine l'antiquarium allestito presso i locali dell'ex convento di S. Caterina.

Nessun commento:

Posta un commento